Che c’è di novità circa la situazione dei cristiani in medio oriente ?

ASCA) – Roma, 4 feb – E’ pronta la fatwa (interpretazione ufficiale della legge islamica) che puo’ fornire un aiuto di pace negli eventi drammatici che feriscono il Medio Oriente, per la quale ”uccidere un cristiano e’ come uccidere un musulmano e distruggere una chiesa e’ come distruggere una moschea”. La notizia e’ stata data oggi da Mohammad Sammak, politico e giornalista libanese, sunnita, inviato speciale al Sinodo dei Vescovi sul Medio Oriente e consigliere politico del Gran Mufti del Libano, alla conferenza stampa organizzata nella Comunita’ di Sant’Egidio, a Roma, per presentare il colloquio di studio e di riflessione sul tema ”Agenda della convivenza. Cristiani e musulmani per un futuro insieme”.

L’incontro si terra’ il 23 febbraio alla presenza, tra gli altri, del vescovo di Terni-Narni-Amelia, mons. Vincenzo Paglia, e del ministro degli Affari esteri italiani, Franco Frattini.

”La fatwa – ha proseguito Sammak – e’ stata elaborata in collaborazione con leaders musulmani anche di altri Paesi. La sua presentazione e’ stata rinviata a causa di quanto sta avvenendo in Medio Oriente, in Egitto e Tunisia e con il cambio di governo in Libano”.

Secondo Sammak ”c’e’ preoccupazione per i cristiani” in Medio Oriente, ”sembra che non ci sia via di uscita”, in Paesi nei quali ”sta avvenendo un grande cambiamento, che si preparava da tempo e puo’ prendere strade imprevedibili”.

”La violenza che si e’ scatenata in Egitto e’ insolita nella storia di questo Paese – ha affermato Sammak -, e cosi’ vale per la Tunisia. Ma, se il cambiamento prendera’ la strada della democrazia e della liberta’, i cristiani potranno avere un ruolo importante per il futuro del Medio Oriente”.

Per Sammak, ”va fatto qualcosa per aiutare il dialogo tra cristiani e musulmani”, ma ”e’ importante anche come farlo” e ”Sant’Egidio sa come farlo”. ”Il problema – ha spiegato Sammak – e’ che i musulmani non distinguono tra cristiani d’Occidente e d’Oriente, e cosi’, le difficolta’ con l’Occidente hanno effetti sui cristiani d’Oriente”.

Anche ”i musulmani devono fare qualcosa per la pace, perche’ crediamo in un solo Dio”. In Egitto c’e’ tensione anche per ”una cattiva interpretazione delle parole del Papa in difesa dei cristiani, dopo gli attentati ad Alessandria. Il governo si e’ sentito accusato di non avere fatto abbastanza”, ha detto Sammak, che ha parlato con gli imam della comunita’ di Al-Azhar per far comprendere i malintesi.

asp/sam/ss

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...